infonapoles

Giornale della città di Napoli

NAPOLI

«Coronavirus, nutriamo la mente dei ragazzi: il rischio è la fuga dall’istruzione»



l’emergenza

Mezzogiorno, 29 marzo 2020 – 10:37

Cesare Moreno dei Maestri di Strada: Abbiamo dato vita ai CoroNauti utilizzando la tecnologia per raggiungere i nostri alunni

di Fabrizio Geremicca

Cesare MorenoLe scuole sono chiuse, si va avanti con la didattica on line ma concreto il rischio che chi arrancava getti definitivamente la spugna. Tra i mille effetti negativi della epidemia da coronavirus potrebbe esserci a Napoli anche una impennata del tasso di abbandono scolastico, gi molto alto. Secondo il rapporto sul Benessere equo e sostenibile (Bes) relativo al 2018 e redatto dall’Istat, infatti, in citt il 22% degli iscritti lascia prematuramente la scuola. I Maestri di Strada corrono ai ripari e si inventano una sorta di Progetto Chance a distanza che si chiama I CoroNauti. Cesare Moreno, tra i pi noti dei Maestri di Strada, ne parla con il Corriere del Mezzogiorno.

Cosa fate e come cercate di coinvolgere i ragazzi? Proponiamo iniziative sui diversi canali social (facebook, Instagram, youtube, il blog, la webradio) per combattere l’isolamento e lo scoraggiamento con proposte, iniziative, arte, solidariet. Il contenitore che raccoglie, con aggiornamenti quotidiani, tutte queste attivit la pagina Facebook “I CoroNauti”. Ci sono poi diverse piattaforme ad essa collegate: SoundCloud per i podcast di musica e storie narrate e WordPress per i contenuti “digitate”, Instagram per i contenuti visivi, Youtube per i video.

Quali iniziative veicolate attraverso i social? Per esempio una serie di video-sfide attraverso la lettura, il racconto e la registrazione di storie della tradizione, che passano per la voce degli adolescenti per giungere ai bambini. In questa attivit sono impegnati in particolare i ragazzi che facevano teatro. Oppure il concorso fotografico: “Il mondo da qui non ha confini”, che invita a pubblicare scatti presi dalla propria finestra. Ma potrei citarne molte altre.

Ne scelga alcune. In occasione della Giornata Mondiale della Poesia, 21 marzo, il poeta Davide Rondoni ha lanciato la sfida poetica ispirata a “L’Infinito” di Giacomo Leopardi, chiedendo ai ragazzi di guardare oltre la finestra-siepe e cercare i segni d’infinito. Il 26 marzo partita una iniziativa in collaborazione con la campagna nazionale spreco zero: l’ideatore l’agroeconomista Andrea Segr e chiede ai CoroNauti e alle loro famiglie di monitorare, con la compilazione di un minidiario, lo spreco alimentare in casa. Seguiranno le video sfide proposte da Massimo Navone, autore teatrale, regista e docente della Civica Scuola di Teatro “Paolo Grassi” di Milano; Maurizio Braucci, sceneggiatore e scrittore; i consigli di lettura del saggista e critico letterario Filippo La Porta. Massimo Caiazzo, color consultant e presidente di Iacc Italia spiegher l’importanza della luce e del colore nelle nostre giornate in casa. I ragazzi parteciperanno al progetto fotografico #incampoacasa promosso dalla Coop. Il Minotauro di Milano. La ciurma dei CoroNauti si allargher, poi, con la partecipazione di musicisti, compositori, registi, sportivi: Maurizio Capone, Alessandro Riva, Tommaso Scarimbolo e i suoi House Bemb, Patrizio Oliva, Marco Di Bari, Alessandra Farro e gli Osanna.

Non tutti i ragazzi che seguite hanno a casa un computer od una connessione internet. certamente un problema serio e ne siamo consapevoli. Luned dovrebbero arrivare una quindicina di tablet che distribuiremo ad altrettanti adolescenti della periferia orientale. un primo passo e speriamo di poter andare oltre. Agli allievi della scuola elementare di Forcella consegneremo pacchi per nutrire la mente. Album, quaderni, colori, matite. Il materiale sar ovviamente sanificato. Vogliamo andare a casa dei ragazzi, con tutte le cautele necessarie. Devono capire che non li abbandoniamo.

29 marzo 2020 | 10:37

© RIPRODUZIONE RISERVATA