infonapoles

Giornale della città di Napoli

NAPOLI

Corsicato: la mia Laura come una Filumena 2.0



L’intervista

Mezzogiorno, 21 aprile 2020 – 11:41

La prima fiction del regista napoletano: Vivi e lascia vivere, in onda su Rai 1 da gioved

di Vanni Fondi

Ho pensato subito a una Filumena contemporanea immaginando la mia protagonista, volitiva e fragile, passionale, scaltra, in cerca di riscatto. Cos Pappi Corsicato tratteggia la sua Laura, protagonista della serie tv Vivi e lascia vivere, in onda per sei puntate, ognuna di due episodi, da gioved 23, in prima serata su Rai 1. La trama vede protagonista appunto Laura, interpretata da un’intensa Elena Sofia Ricci, che perde lavoro e marito e deve ricominciare da capo. Si rimbocca le maniche e rinasce, facendo gruppo con altre donne. Una storia di speranza di una nuova vita, che, in tempi di coronavirus sembra quanto mai attuale, tutta girata a Napoli, con sullo sfondo quella Posillipo tanto cara al regista napoletano, un quartiere non solo da sogno, ma anche e soprattutto popolare.La sua prima regia televisiva.

S, una storia in parte ispirata a Filumena, ma solo per quel che riguarda la sua personalit e non la storia. Ho trasposto nel linguaggio televisivo, da fiction, la mia narrazione del mondo femminile. Con al centro un personaggio complesso, di cuore ma senza scrupoli.Una Filumena 2.0, anche se la voglia di riscatto e l’arte di arrangiarsi sono da sempre esistite qui in Campania.

Ho voluto rendere s l’idea di riscatto,ma anche quella dell’amicizia, della famiglia e del dolore, dove tutti si mettono in discussione, pronti per rinascere.

Che effetto le fa rivedere le immagini del film, vivaci, con tanta partecipazione umana, ora che le strade sono vuote?

l’effetto che volevo trasmettere. Secondo me questa fiction, ancor di pi oggi, trasmette un messaggio di vitalit e di speranza. in momenti di crisi come questo, dopo il naturale sbandamento per il panico, che si vede oltre, magari cercando di fare ci che non si faceva prima, cambiando vita, insomma, e facendo emergere il talento. In tempi di Coronavirus anche la tv in gran spolvero, proprio con le fiction. Ma non era considerato un genere di serie B rispetto al grande cinema?

Non sono d’accordo, al di l del fatto che la serialit televisiva si molto evoluta negli ultimi vent’anni, in Italia abbiamo fatto sempre prodotti di grande livello (mi ricordo gli sceneggiati degli anni ‘60 e ‘70). Poi, ognuno di noi porta con s il proprio gusto, l’estetica, l‘esperienza, la cultura, la provenienza e la condivide.

Quale Napoli racconta, quindi, in Vivi e lascia vivere? La classica citt da fiction?

No. Pur avendo apprezzato molto serie come Gomorra e I bastardi di Pizzofalcone, ho voluto raccontare non il centro e le periferie, ma la mia Posillipo, quella colorata della case normali popolate di lavoratori, dei paesaggi meravigliosi, del mare, del verde, delle cave di tufo, dei pescatori.

Nel cast, oltre alla Ricci, Massimo Ghini, Antonio Gerardi e Orsetta De Rossi, a dare un tocco di autenticit napoletana ci sono Teresa Saponangelo, Bianca Nappi e Iaia Forte, una delle sue storiche muse.

Oltre a Iaia (nel film la cognata di Laura, con cui aveva litigato), Teresa (una complessa e misteriosa ragazza del popolo) e Bianca, che interpretano tutte dei personaggi intensi, c’ poi un gruppo di attori giovanissimi di talento. Napoletanit? No, come ho detto prima, non la cerco (almeno non quella oleografica, in dialetto) ma guardo al senso dei personaggi con uno sguardo innamorato verso l’ambiente.

Beh, per non mi dica che almeno non stato anche facilitato anche dai luoghi di quella CineNapoli, da tempo ridiventata set a cielo aperto.

Napoli sempre stato un brand per il cinema e non ha mai smesso di esserlo. Quando abbiamo girato, poi, sembrava di essere a Cannes, a Rio. Ho cercato quindi di rendere l’atmosfera di una Napoli d’amore, solare, solidale, struggente. Che solo a vederla faccia pensare a un inno alla bellezza, alla solidariet, alla condivisione, alla gioia, all’amicizia, alla speranza che tutto si riapra alla vita questo delirio finisca presto

21 aprile 2020 | 11:41

© RIPRODUZIONE RISERVATA