infonapoles

Giornale della città di Napoli

ECONOMIA

Sacmi accelera il percorso di M&A e rileva la barese Pack Sud



ServizioMeccanica strumentale

Per la divisione Packaging un 2020 sopra le attese

di Ilaria Vesentini

Per la divisione Packaging un 2020 sopra le attese

2′ di lettura

Dopo aver acquisito lo scorso febbraio il controllo dell’abruzzese Velomat per ampliare la gamma di soluzioni per il closures-beverage di cui è leader mondiale, il gruppo imolese Sacmi annuncia un altro M&A nella divisione packaging: l’ingresso con il 60% delle quote nella piccola azienda barese Pack Sud, specializzata in macchine per l’imballaggio e il confezionamento del bakery. «Con questa operazione rafforziamo il nostro posizionamento nel packaging primario e diversifichiamo il mercato – sottolinea il presidente di Sacmi, Paolo Mongardi –.

Noi siamo molto forti nel settore del cioccolato, le tecnologie di Pack Sud completano la nostra offerta in un segmento da presidiare con attenzione quale i prodotti da forno, con confezionatrici verticali, nate per impacchettare i tipici taralli pugliesi, a medio-basse velocità, ma ad alta qualità ed artigianalità».Il processo di consolidamento e diversificazione è solo all’inizio, non solo in Sacmi ma per tutti gli altri grandi costruttori italiani di packaging machinery. «Finalizzeremo a breve, contiamo già a fine mese, un’altra operazione all’insegna delle tecnologie digitali», anticipa il presidente, che dopo aver chiuso il 2019 con oltre 1,26 miliardi di euro di fatturato (per un terzo legato al packaging, il resto prevalentemente nelle macchine per ceramica) si prepara, a dispetto delle attese post Covid, a un’altra annata positiva e in crescita per la divisione.

A dispetto del core business ceramico, che pagherà un conto salato alla pandemia, per la prolungata chiusura degli impianti. «Un non-sense, perché dentro lo stesso stabilimento e con le stesse condizioni di sicurezza – rimarca Mongardi – avevamo da un lato il reparto packaging che lavorava a pieno ritmo e dall’altra parte quello ceramico fermo per cinque settimane».Pack Sud è una giovane realtà (nata nel 2003) di una quindicina di dipendenti e 2,5 milioni di euro di fatturato l’anno, che entra ora nel ramo Packaging & Chocolate di Sacmi con la prospettiva di passare al 100% sotto il controllo imolese nel medio termine. «Il nostro obiettivo – aggiunge Mongardi – è la ricerca e valorizzazione di competenze e know-how centrali per lo sviluppo del business, per la promozione del prodotto italiano di alta qualità all’interno della rete e della strategia globale del gruppo».

Per Pack Sud si aprono invece le porte di una realtà multinazionale di 4.650 dipendenti con 80 tra stabilimenti e filiali commerciali in 30 Paesi del mondo, che esporta l’85% delle sue tecnologie, con oltre 4.500 brevetti all’attivo e un team di 300 persone dedite full time a R&S.«Crescita, digitalizzazione e sostenibilità ambientale delle nostre macchine sono le parole chiave della strategia per il secondo secolo di vita di Sacmi», conclude Mongardi, che nel 2019 ha festeggiato i primi 100 anni di attività del colosso meccanico imolese. E in questa direzione va letto anche il finanziamento green da 50 milioni appena erogato da Bnl-Bnp Paribas, un “positive loan” con condizioni che riflettono il raggiungimento di specifici indicatori legati al miglioramento dell’efficienza nella gestione dei rifiuti e del risparmio energetico e idrico.