infonapoles

Giornale della città di Napoli

ECONOMIA

Coronavirus e raloxifene, via libera dell’Aifa allo studio clinico sull’uomo



progetto europeo

Il farmaco brevettato dal consorzio europeo a guida italiana Exscalate4CoV sarà testato allo Spallanzani e all’Humanitas su 450 pazienti con sintomi moderati

di Antonio Larizza

Il farmaco brevettato dal consorzio europeo a guida italiana Exscalate4CoV sarà testato allo Spallanzani e all’Humanitas su 450 pazienti con sintomi moderati

2′ di lettura

L’Agenzia italiana del farmaco (Aifa) ha dato il via libera per l’avvio dello studio clinico di un prodotto a base di raloxifene per la cura dei pazienti paucisintomatici – ovvero con pochi sintomi o molto modesti – affetti dal virus Sars-CoV-2.

Il composto è stato sviluppato dal consorzio pubblico privato Exscalate4CoV, finanziato dalla Commissione Europea il bando Horizon 2020 e guidato da Dompé Farmaceutici.

Con l’avvio dello sperimentazione sull’uomo lo studio clinico verificherà la sicurezza e l’efficacia del raloxifene nell’inibire la replicazione del virus Sars-Cov-2.

Test al via allo Spallanzati e Humanitas

Inizialmente, saranno due i centri a condurre la sperimentazione: l’IRCSS Lazzaro Spallanzani di Roma e l’IRCSS Humanitas di Milano. In una seconda fase è previsto l’argamento dello studio clinico anche ad altri centri in Italia e in altri Paesi. In programma la possibilità di coinvolgere fino a 450 pazienti, che riceveranno per sette giorni un trattamento con capsule orali di raloxifene o un placebo, nel caso del gruppo di controllo.

Dall’osteoporosi al Covid

Il raloxifene è una molecola registrata e già utilizzata in farmaci in commercio, su prescrizione, per il trattamento e la prevenzione dell’osteoporosi nelle donne dopo la menopausa. Il file del brevetto dell’utilizzo del raloxifene per il trattamento di persone affette da virus Sars-CoV-2 è stato depositato in data 6 maggio 2020 da Dompé farmaceutici, Fraunhofer Institute e Università di Lovanio al fine di promuovere l’accesso universale alle cure che ne potranno derivare, così come definito dalle linee guida del consorzio stesso.