infonapoles

Giornale della città di Napoli

NAPOLI

Circumvesuviana, stop ai treni dalle 9 alle 15 per uno sciopero indetto dalla Usb



trasporti

Mezzogiorno, 24 novembre 2020 – 09:46

I lavoratori incroceranno le braccia nella mattinata di mercoled 25 novembre. Ma i collegamenti sono gi notevolmente ridotti da giorni per carenza di personale

Si annuncia per domani, 25 novembre, una nuova giornata estremamente difficile per i pendolari e i viaggiatori che si servono dei mezzi dell’Ente autonomo Volturno per i loro spostamenti. L’organizzazione sindacale Usb ha infatti proclamato uno sciopero di quattro ore per la mattinata, dalle 9 alle 13. Un’astensione che si somma alle limitazioni gi annunciate dall’azienda e che di fatto potrebbe provocare il blocco della circolazione per larga parte della mattinata e fino al primo pomeriggio. Stando infatti a quanto sottolinea Eav sul proprio sito internet, le ultime corse garantite prima dello sciopero lungo le linee della Circumvesuviana sono tutte programmate dalle 8.15 alle 8.49 mentre la ripresa della circolazione prevista a ridosso delle 15. Non molto diversa la situazione lungo le altre tratte gestite da Eav.

Anche quella odierna sar comunque un’altra giornata difficile per gli spostamenti sulle linee della Circumvesuviana: alle limitazione delle fase orarie, con sospensione del servizio dalla tarda mattinata a al primo pomeriggio e dopo le 20, si aggiungono infatti le annunciate soppressioni di altri sette treni. Uno stato di cose che ieri avrebbe provocato, stando alla denuncia del sindacato Orsa, anche tensioni tra viaggiatori e dipendenti Eav, che in una nota parla di numerose aggressioni, certamente molto animate ma fortunatamente solo verbali, nei confronti di quei soggetti presenti regolarmente al proprio posto di lavoro. Aggressioni – l’accusa del sindacato – determinate sicuramente dalle dichiarazioni che il presidente ha rilasciato sui giornali, “manganellando” come suo costume i dipendenti dell’Eav e che hanno contribuito ad infervorare ulteriormente i viaggiatori, gi peraltro frustrati dalle pochissime corse treno “sopravvissute” e dai ritardi dovuti ai guasti, oramai endemici. (fonte Ansa)

24 novembre 2020 | 09:46

© RIPRODUZIONE RISERVATA